I AM HERE

dal 10 al 20 agosto 2014

Presentazione 19 e 20 Agosto ore 21.00 al CANTIERE OBERDAN 

LancasterI AM HERE
University of South Carolina LANCASTER (USA)

Un progetto interdisciplinare sul tema della libertà e dei diritti civili 
Ideato e diretto da/Concept and director: Marybeth Halloway e Andrea Paciotto
Creato e interpretato da/Created and performed by: Timisha Hood, Kevin Snipes, Tayler Harris, Jordyn Daniels, Brittany Scott, Tyrie K. Rowell, Nigia Stevens
Con la collaborazione / With the collaboration: Catherine Filloux
Reso possibile grazie al supporto/Made possible thanks to the support: Università della Carolina del Sud Lancaster, Provost’s Grant for Creative and Performing Arts.
Si ringrazia/Special thanks to: Walter Collins, Dean of USC Lancaster, and Susan Elkins, Chancellor of Palmetto College

Quali sono le cose che ci rendono ciò che siamo? Diversi dagli altri, simili agli altri? Il nome, il colore della pelle, il sesso, l’età, la professione, la carta di credito, i soldi? Le paure, le doti personali, i segreti, la famiglia, il luogo in cui viviamo? Forse anche la vita e le esperienze dei nostri genitori e dei nostri antenati condizionano il carattere e la natura di una persona. Forse non è possibile liberarsi completamente del proprio passato, anche quando non lo si conosce fino in fondo. Una persona che conosce il proprio passato, che è in grado di rispondere alle domande “Chi sono? Da dove vengo?” può riuscire a sentirsi più libera? Un lavoro sul tema dei diritti civili, della democrazia e del razzismo che nasce da un gruppo di giovani che vivono nel cuore della società occidentale, in South Carolina, uno degli stati più conservatori del Nord America, dove ha avuto inizio la guerra civile americana e dove la pratica dello schiavismo è stata conservata per più tempo, rispetto ad altri stati. La performance si compone di un insieme di storie personali, idee ed esperienze, domande pressanti, informazioni storiche sul movimento dei diritti civili americano e altre osservazioni pertinenti del tempo presente. Il risultato è una sorta di docu-fiction teatrale, che invita il pubblico a riflettere sull‘attuale situazione sociale e sul concetto di libertà.

What makes us who we are? Different or similar to others? Is it our name, skin color, sex, age, profession, credit card, bank account information? Or our fears, personal talents, secrets, the family and the place we live in? Maybe also the past, the lives of our parents and ancestors influence our personality and disposition, even if we don’t really know the full extent of it. Who am I? Where do I come from? Knowing the past makes me freer? The performance is based on a research carried on by a young group of college students from Lancaster, South Carolina, one of the most conservative States in the US. These students asked pressing questions about freedom, civil rights, democracy and racism. They collected personal stories, ideas, experiences, historical information about the American Civil rights movement and other relevant observation about the present time. The result is a sort of docu-theatre, which invites the audience to reflect on the current social situation and on the concept of freedom.

FacebookGoogle+TwitterShare

Commenti chiusi